La Val Cellina

Sotto le cime delle dolomiti

Luoghi di Interesse

La strada panoramica e la forra del torrente Cellina

La Riserva naturale forra del Cellina si sviluppa attorno al ripido torrente Cellina. L’aspetto della forra è quello di un grande canyon, il maggiore della regione e uno dei più spettacolari d’Italia, con pareti verticali e imponenti fenomeni di ...

Andreis / Il museo della civiltà contadina

Il museo illustra le attività tipiche della popolazione della Val Cellina ricreando le tradizionali botteghe artigiane per la lavorazione dell’osso, caratteristica di Andreis, del legno, del ferro e dei tessili, per produrre piccoli oggetti d’uso. ...

Barcis / Il lago

Il lago deriva dallo sbarramento del torrente Cellina per scopi elettroirrigui: le sue acque color smeraldo alimentano una centrale idroelettrica e irrigano l’alta pianura pordenonese nei mesi estivi. Il lungolago è attrezzato e sono molte le ...

Barcis / Il Prescudin

Il Prescudin è un bosco silenzioso gestito dal Corpo forestale regionale; accessibile solo a piedi è dotato di centro di studi, di foresteria e di bivacchi attrezzati ad osservatorio.

Claut / Il turismo sportivo

Claut è divenuto negli ultimi anni luogo ideale per sport non consueti. In località Tre Pini è attiva una scuola di sleddog (slitte trainate da cani), oltre all’anello da fondo di 5 km e la pista di divertimento sulla neve per i più piccini. A ...

Claut / Il museo della casa clautana

Il museo illustra la vita quotidiana della popolazione locale, rimasta quasi immutata fino alla metà del ’900. Il percorso espositivo propone la ricostruzione degli ambienti tipici della casa, che vedono come protagonista assoluta la donna: moglie, ...

Claut / La ‘Via Crucis’

Per le strade del paese, la sera del venerdì santo, si celebra la processione della Passione di Cristo in 14 stazioni, rappresentate da comparse, al suono di batatocs.

Vajont / La diga

La diga del Vajont, costruita fra il 1957 e il 1959 dalla SADE (Società Adriatica di Elettricità), era, all’epoca, la più alta al mondo (264,60 m). Nonostante gli smottamenti e le piccole frane che si verificarono sin dall’inizio dell’invaso, nulla ...

Erto e Casso / I borghi

I borghi di Erto e Casso presentano un tipo di architettura spontanea del tutto particolare, che li rende una delle mete più interessanti dell’intera Val Cellina; per tali caratteristiche Erto è stato dichiarato monumento nazionale. La peculiarità, ...

Erto / L’arrampicata sportiva

Nei pressi della diga del Vajont si trova una delle più famose palestre di arrampicata sportiva. Attrezzata con più di 300 vie, accanto ai settori di confronto tra i maggiori free climbers mondiali (difficoltà fino all’8c - 11° grado) c’è un’area ...

Cuoriosità

Le case in Val Cellina

In Val Cellina il viandante potrà soddisfare la propria curiosità storico-edilizia con almeno due caratteristiche forme abitative: la casa andreana (di Andreis) e la casa clautana (di Claut). La prima era dotata di portico ed archi in pietra, ...

‘Peta’, ‘pitìna’, ‘pistiç’

Mica sempre si poteva consumare nel giro di un dì una pecora o un rocco, una capra o un becco, o un selvatico di taglia. E allora, per conservare tali carni, invero non eccelse, si ricorreva ad un salume detto peta, di cui pitìna è un diminutivo. ...

Il venerdì santo a Erto

Il teatro popolare ha avuto per secoli, anche in Friuli, uno dei suoi momenti forti nel rapporto con il ciclo liturgico della settimana santa. La maggior fioritura del teatro religioso popolare, portato fuori dalle chiese e rappresentato nei paesi, ...

Attività e turismo

Paesaggi, storia, tradizioni, prelibatezze e attività ricreative per tutti

Famiglia

Famiglia

Sport e Natura

Sport e Natura

Cibo e Gusto

Cibo e Gusto

Cultura e Tradizioni

Cultura e Tradizioni