Attraverso la val Tramontina

Borghi e laghi

La Val Tramontina si snoda in senso nord-sud e attraversa interamente il paesaggio delle Prealpi Carniche: dalle colline spilimberghesi, a sud, fino a collegarsi, attraverso il passo montano Rest, a quota 1060 m slm, con il centro di Ampezzo e la Val Tagliamento. La parte meridionale e il versante collinare sono i più abitati e ricchi di borghi di interesse storico e architettonico. Si tratta di un territorio che presenta elevati valori paesaggistici, sia naturali che urbani, e offre vedute di grande pregio da molti punti dei versanti delle Prealpi verso la piana e le colline di Sequals e Travesio. Data l’abbondanza d’acqua, lungo la Val Tramontina, in passato, sono stati realizzati vari bacini artificiali (lago di Tramonti, lago di Ca’ Selva, lago di Ca’ Zul). Sul versante sud del monte Ciaurlec, uno dei rilievi pedemontani con più infrastrutture in epoca medievale, sono ancora presenti prati, stalle e malghe pubbliche, costruite negli ampi spazi pianeggianti dalle diverse comunità (Tramonti, Meduno, Toppo, Travesio, Clauzetto). Estese sono le aree carsiche, caratterizzate da particolari fenomeni epigei ed ipogei, come il monte Ciaurlec e la forra del torrente Cosa, con inghiottitoi, grotte e affioramenti fossiliferi. Un paesaggio singolare è disegnato dalle colline tra Usago e Sequals, dalla forma conica, con boschi di latifoglie che risaltano sulla pianura. Di particolare interesse è anche la piana tra i colli di Sequals e Travesio, dalla quale è possibile apprezzare in maniera netta e definita gli aspetti formali del fronte collinare fittamente boscato. Questo tratto conserva ancora gli elementi tipici del paesaggio rurale tradizionale, con siepi e filari, ed è caratterizzato dalla presenza di alcune ancone, situate ai crocicchi delle strade. Lungo la Val Tramontina, a Meduno e Tramonti di Sopra, si trovano edifici di interesse storico e numerosi sono gli esempi di architettura tradizionale montana. Altri fattori di attrazione sono la produzione enogastronomica locale e la pratica del parapendio, che si svolge sul monte Valinis, a nord dell’insediamento di Meduno. Nella valle del Colvera, le colline di argille e marne dalle forme molto dolci sono coperte da grandi superfici di boschi di querce, castagni, frassini, aceri, carpini e ontani neri. I piccoli centri (Poffabro, Frisanco, Casasola e le frazioni minori), borghi di grande valore storico e ben conservati, presentano una particolare architettura rurale, inserita in un paesaggio di elevata panoramicità.

Luoghi di Interesse

Meduno / La pietra e gli scalpellini

Grazie alla presenza di pietra locale particolarmente adatta ad essere lavorata, Meduno è stata per secoli patria di scalpellini (chiamati tajapiera o picapiera). Tra questi si deve ricordare Luigi Del Bianco (1892-1969) che fu capomastro durante ...

Navarons / Il museo Andreuzzi

Il museo ‘Casa Andreuzzi’ si propone di tramandare la memoria dei moti insurrezionali del 1864 nelle Prealpi friulane. In particolare, la raccolta vuole porre l’accento sul ruolo svolto dal medico originario del luogo Antonio Andreuzzi, affiliato ...

Poffabro e Frisanco / I borghi

Poffabro, entrato nel 2002 nel ristretto novero dei ‘Borghi più belli d’Italia’, dispone le sue case in una specie di triangolo alle falde del monte Rodolino. Sono edifici in pietra e legno alti e austeri, di grande bellezza, con scale e loggiati ...

Poffabro e Frisanco / La festa ‘paesi aperti’

‘Paesi aperti’, la prima domenica di settembre, è una manifestazione gastronomica che non ha niente a che vedere con le asettiche sagre formato ‘mensa aziendale’, perché è la gente del posto (sono coinvolti quasi tutti i 300 abitanti) che cucina e ...

Tramonti / Il lago e i borghi sommersi

Alla metà del ’900 furono costruiti tre invasi artificiali per la produzione di energia e per alimentare i sistemi d’irrigazione della pianura. La nascita del lago di Tramonti (o di Redòna) ha comportato la sommersione delle borgate di Flos, Movàda ...

Tramonti di Sotto / Le pietre della ‘vicinia’

Nella piazza di Tramonti di Sotto sono visibili alcune delle pietre utilizzate dagli anziani durante le riunioni della vicinia, per deliberare e discutere delle questioni del villaggio.

Tramonti di Sopra / ‘Arti, mestieri e sapori’

Questa festa accoglie a luglio artisti ed artigiani da tutta la regione, per rievocare gli antichi mestieri e ricordare il laborioso passato di queste popolazioni.

Tramonti di Sopra / La festa della vera ‘pitina’

Si tiene d’estate questa importante manifestazione che si propone di valorizzare la pitina, pietanza tradizionale ottenuta dall’affumicatura di carni di pecora o capra, bagnate nel vino e spolverate con farina di polenta.

Ca’ Selva e Ca’ Zul / I laghi

Il lago artificiale di Ca’ Selva, in Val Silisia, è raggiungibile dalla Val Tramontina percorrendo la stretta rotabile che porta prima a Chievolis e, quindi, a Selva. La sua storia, come quella degli altri impianti idroelettrici della valle del ...

Campone / Il mulino

A Campone (Tramonti di Sotto) si può visitare un antico mulino con ruota di legno, risalente al XVII secolo, da tempo fermo, i cui meccanismi erano alimentati da una roggia derivata dal torrente Chiarzò.

Tramonti di Sotto / I borghi abbandonati

All’inizio del ’900 molti dei piccoli borghi che popolavano la zona di Tramonti di Sotto furono progressivamente abbandonati, lasciando deserte abitazioni e chiese circondate dalla natura, in un insieme d’indubbio fascino. Particolarmente ...

Cuoriosità

Il ‘maçaròt di bosc’

Con varie denominazioni (maçaròt, maciaròul, maceròt, mazzariòl), in tutta l’area alpina si racconta di un omino, vestito di rosso, munito di mazza con cui picchia alberi e rocce, che frequenta boschi e pascoli alti e scende talvolta fino alle case ...

La mostra delle mele antiche

Sulle antiche varietà di melo si sono tenuti convegni e fatti Interreg. Il volontariato e la passione raggiungono, gratis, obiettivi migliori. Nei paesi pedemontani del Friuli occidentale si svolge annualmente, e in modo itinerante, una mostra ...

La cultura del bosco

L’immaginario del bosco era ricco e complesso: luogo misterioso di storie di paura, abitato dopo l’imbrunire da agane, maçarots, salvans, streghe, anime inquiete; luogo in cui perdersi, luogo da evitare dopo il suono dell’Ave Maria. Nella realtà, ...

‘Formai del cit’

Anche i formaggi, come i cristiani, possono avere qualche magagna; tanto gli uni che gli altri possono diventare ‘cattivi’, ma per i primi, almeno, si può trovare qualche soluzione. Ad esempio, si fanno a pezzi piccoli che vengono coperti da ...

Attività e turismo

Paesaggi, storia, tradizioni, prelibatezze e attività ricreative per tutti

Famiglia

Famiglia

Sport e Natura

Sport e Natura

Cibo e Gusto

Cibo e Gusto

Cultura e Tradizioni

Cultura e Tradizioni