Tra mare e montagna lo sguardo è ad est

Carso triestino

Mare e montagne, da una parte il calore delle onde dall’altra l’asprezza rude del Carso. Se si rimane a due passi dal mare, è impossibile non godersi la brezza che arriva a scavare fin dentro l’anima, magari approfittando dei sentieri che si inerpicano fin dentro la macchia mediterranea. E proprio lì, a due passi dal mare, si può visitare il castello di Miramare, arrampicato sopra a un promontorio roccioso di origine carsica proteso verso il Golfo di Trieste.

Castello di DuinoIl castello è una residenza del XIX secolo, costruito tra il 1856 e il 1860 per volere dell’arciduca Massimiliano d’Austria, poi imperatore del Messico. Oltre alla dimora (20 stanze, da ricordare in particolare le “Sale di Massimiliano”, fra le quali la camera da letto, e la “Sala del trono”) il castello di Miramare è circondato anche da un parco di oltre 22 ettari, un giardino all’inglese e all’italiana, ricco di piante rare, sculture e laghetti, che scende con ampi gradoni verso il mare.

Un’altra costruzione imperdibile, da queste parti,

è il castello di Duino: anch’esso su uno sperone carsico a picco sul mare, regala a chi lo visita un panorama mozzafiato su tutto il golfo di Trieste e anche per questo è una delle più gettonate mete turistiche.

Ma anche la natura, che invade l’intero promontorio carsico, ha in serbo tesori degni di essere visitati. La Grotta Gigante, per esempio, è la grotta con la sala più grande al mondo, tanto da essere inserita nel Guinness dei Primati. Si tratta di una cavità dal volume di 365.000 metri cubi, alta 98,5 metri, lunga 167,6 metri e larga 76,3. La visita guidata, con sala multimediale che permette la visita anche ai diversamente abili, si svolge lungo un percorso di 850 metri, dura circa 1 ora e si scende fino a 100 metri di profondità. La temperatura interna è costante e pari a 11°C. Le Riserve Naturali dei Monti Lanaro e Orsario riservano esempi di boschi e pinete che assicurano passeggiate rilassanti e tranquillità.

PINZA TRIESTINA

Tipico dolce pasquale di pasta lievitata tradizionalmente accompagnato da salumi e formaggi oppure da confetture, magari di quelle fatte in casa secondo la tradizione. Si prepara lavorando la farina con il lievito, per poi aggiungere le uova sbattute e altri ingredienti a scelta. Dopo la cottura in forno, fondamentale la pennellata finale con tuorlo d’uovo.

Attività e turismo

Paesaggi, storia, tradizioni, prelibatezze e attività ricreative per tutti

Famiglia

Famiglia

Sport e Natura

Sport e Natura

Cibo e Gusto

Cibo e Gusto

Cultura e Tradizioni

Cultura e Tradizioni